Il caso di Nora

IL CASO DI NORA:
Un'avventura nella giungla del cervello.
Moshe Feldenkrais, 1996, Astrolabio Edizioni

Il caso di Nora doveva costituire la prima storia clinica di una serie che Feldenkrais intendeva pubblicare sotto il titolo collettivo "Avventure nella giungla del cervello".

Purtroppo il progetto non ha avuto seguito, sicché oggi questo testo riveste un`importanza particolare essendo l`unico resoconto scritto del lavoro svolto da Feldenkrais con un `paziente`, una delle poche testimonianze della sua incredibile capacità di essere allo stesso tempo insegnante, psicoterapeuta corporeo, scienziato.

Uno degli elementi più affascinanti di questo caso è la spiegazione che Feldenkrais dà delle proprie mosse. Come il detective davanti agli indizi di un delitto, Feldenkrais ha più piste da seguire, più strategie da adottare, e non trascura mai di illustrare al lettore, spiegandogli al tempo stesso i motivi delle proprie scelte.

Così, quando arriva il momento di chiedersi: "Quale sarà la prossima mossa?", si ha l`impressione di partecipare in prima persona a questa affascinante ricerca dei meccanismi del funzionamento del cervello umano.

Lavorando con Feldenkrais, Nora riuscirà dunque a ottenere una guarigione a prima vista miracolosa ma che invece è ben fondata su una teoria e un modo di vedere l`uomo decisamente rivoluzionario, perché cerca di guarire il corpo senza mai dimenticare la psiche, e cerca di comprendere meglio la psiche prestando attenzione ai messaggi del corpo.

Il laboratorio:

Il libro del mese:

IL CASO DI NORA:
Un'avventura nella giungla del cervello.
Moshe Feldenkrais, 1996, Astrolabio Edizioni

Il caso di Nora doveva costituire la prima storia clinica di una serie che Feldenkrais intendeva pubblicare sotto il titolo collettivo "Avventure nella giungla del cervello".
Leggi tutto.

Album fotografico:

torna su

Powered by gianfrancorizzati.it

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.